Beach Tennis


Beach TennisNato dieci anni fa, nel 1997, per mano del Dott. Giandomenico Bellettini il quale ha parzialmente modificato le regole già presenti nel tennis e ha inventato tutte le regole del beach tennis, ha fondato la Federezione Italiana Beach Tennis (F.I.B.T), ha promosso e ideato l’uso delle innovative racchette in grafite e fibra di vetro, inventore del logo-marchio Internazionale, del sito internet, fondatore della federazione mondiale (I.F.B.T) che conta 41 nazioni, inpoche parole il beach tennis è lui.

A grandi linee il beach tennis è di chiara ispirazione al tennis, le regole e le tecniche sono state adattate al diverso terreno e al fatto che mentre nel tennis la palla rimbalza nel beach tennis non può farlo.
Infatti la differenza tra questi due sport puo sembrare minima agli occhi di una persona inesperta, ma giocandoci ci accorgeremo sicuramente che anche solo il fatto di poggiare i piedi sulla sabbia cambia radicalmente le cose.

Nella riviera romagnola e per tutti coloro che prenotano un hotel in Riviera Adriatica è diventato ormai lo sport di punta, eguagliando il beach-volley, e si è introdotto coraggiosamente nei passatempo sia i bambini più piccoli che degli adulti più in la con gli anni, passando per gli adolescenti. Inoltre vengono organizzati tornei su tornei con il sostegno del comune e di numerosi locali che offrono: birra, bevande, e gelati e che raccolgono centinaia e centinaia di persone.

Si può dire che il beach tennis sia diventato una moda, ma nel senso buono del termine, infatti non per niente dispendioso, è attività fisica quindi è salutare, e inoltre si prospetta che non finirà nella polvere come tante altre mode ma continuerà a crescere coinvolgendo sempre più persone.

La prova è che tra i giocatori più avanzati si creano delle vere e proprie tendenze, ad esempio le racchette: non esistono più i vecchi e pesanti racchettoni in legno compensato, adesso si usano racchette in grafite, fibra di vetro, addirittura rinforzate in carbonio, incredibilmente leggere, maneggevoli e resitenti. Il costo però di queste diventa parecchio elevato, si può attribuire questo ai materiali abbastanza costosi, ma gran parte della colpa cel’ha il fatto che queste vanno incredibilmente di moda e sono richiestissime.

Come già detto il costo per praticare questo sport è veramente basso: l’attrezzatura comprende un campo di 16m per 8m (uguale a quello da beach-volley) delimitato da un nastro, una rete alta 1.70 m, di solito quatro partecipanti quindi 4 racchette e una palla simile a quella da tennis solo un po più sgonfia.

Questo sport è molto particolare perchè non vi sono appositi centri in cui vengono impartite lezioni di Beach-Tennis, è quasi totalmente autodidatta, inoltre è adatto a chiunque si volesse avvicinare: non è richiesta una specifica preparazione atletica e a livelli di svago puo farlo davvero chiunque, ed è questo il suo punto di forza, ciò che lo ha reso lo sport più popolare dell’ estate.

C'è 1 comment

Add yours